CUSTODI

wardens

Nelle Argolands la tecnologia non è presente; neppure il denaro.

L’antropizzazione è estremamente dolce e rarefatta. La dimensione dello spazio è espansa, e con essa le misure del tempo.

I ritmi circadiani della natura rappresentano l’orologio.

I Custodi o Wardens sono lo spirito delle Argolands.

Ma andiamo un passo alla volta; cos’è un Ecosistema?

L’Ecologia lo spiega così: un Ecosistema è un’unità funzionale formata da una Biocenosi entro uno specifico Biotopo.

Per biotopo (dal greco βιος = vita e τοπος = luogo) si intende un’area limitata in dimensioni (ad esempio uno stagno, una torbiera, un altipiano) di un ambiente dove vivono organismi vegetali ed animali anche di specie diverse, che nel loro insieme formano una biocenosi.

Ora facciamo direttamente un esempio, così sarà subito chiaro:

Argo acquista e pone sotto tutela un’area di 100 ettari.

Questa “Argoland” viene per prima cosa suddivisa in porzioni di 10 ettari l’una.

100 / 10 = 10 porzioni.

Ciascuna porzione è chiamata Essent.

Avremo dunque una mappa, dove saranno indicati i 10 Essent:

E1, E2, E3, E4, E5, E6, E7, E8, E9, E10

Tra i vari gruppi di Warden candidati, verranno selezionati quelli a cui assegnare i 10 Essent disponibili nella Argoland.

G

NAME

ESSENT

NOTE

Gruppo 1

Kyle Mirfing E1
Rob Terry E2 expert
Vanessa Pricòt E3
Miliam Margonne E5 infant

Gruppo 2

Laahrs Blumbergh

E4
Regine Mc Bull E6
Lia Mc Bull E7 infant

Gruppo 3

Adriano Silvestri E8 ancient
Andrea Silvestri E9
Charlotte Wholfgang E10

Cosa significa essere custodi? Significa prima di tutto comprendere che nulla è per sempre, ma ogni atto di potere è compiuto come se fosse l’ultimo sulla terra. In altre parole, il custode si candida con l’intenzione di vivere nelle Argolands, assieme agli altri wardens e visitatori.

Dunque nell’avvicinarsi a tale scelta, qualcuno potrebbe persino offrire una candidatura solitaria, sebbene le nostre valutazioni portano alla conclusione che le candidature di gruppo siano la cosa migliore.

Ciascun gruppo entrerà con serenità e attenzione negli Essent assegnati, accettando sin dal principio i tempi lenti che esige la natura per restituire risultati stabili e positivi.

Nel tempo parteciperà alla loro rigenerazione, anche cooperando con gli altri gruppi/custodi, per l’armonizzazione della biocenosi: l’Agorà vibrante delle forme viventi che vi abitano.

Essi, nei limiti delle strette misure di preservazione imposte da Argo, potranno sperimentare nuove e libere forme di antropizzazione, con un attivo aiuto della community soprattutto per i primi mesi dall’insediamento.


Le abitazioni dei custodi sono caratterizzate dall’adozione di sistemi passivi di riscaldamento/raffrescamento, basati su percorsi studiati di circolazione dell’aria calda/fredda.

Gli ovoidi strutturali sono realizzati con malte geopolimeriche (up-cycling) direttamente sul posto per mezzo di sistemi 3D-printing, anche accorpandole tra loro sfruttando il concept modulare. Le QEVA non richiedono manutenzione, e il tempo trasforma i geopolimeri in pietra.